• 1 Marzo 2024

Germanico Giulio Cesare era il nipote e il figlio adottivo di Augusto, il primo imperatore romano. Era anche il padre di Caligola e il nonno di Nerone, due dei più famosi e controversi imperatori della storia. Germanico era considerato uno dei più grandi generali romani, e il suo nome deriva dalla sua vittoriosa campagna militare in Germania, dove sconfisse le tribù germaniche e recuperò le insegne perdute da Varo nella disastrosa battaglia di Teutoburgo. Germanico era anche un uomo di cultura e di scienza, e si interessava di astronomia, geografia, storia e letteratura. Durante il suo viaggio in Oriente, visitò molti luoghi famosi, tra cui Alessandria d’Egitto, Gerusalemme, Babilonia e la tomba di Alessandro Magno. Germanico era amato dal popolo romano per il suo carisma, la sua generosità e la sua virtù. Era visto come il degno successore di Augusto e il legittimo erede di Gaio Giulio Cesare, il celebre dittatore e conquistatore.

La morte di Germanico è avvolta da un mistero che ha alimentato molte speculazioni e accuse. Secondo le fonti antiche, tra cui Tacito, Svetonio e Cassio Dione, Germanico morì a Antiochia nel 19 d.C., dopo una lunga malattia che lo aveva colpito durante il suo viaggio in Oriente. Le fonti sostengono che Germanico fu avvelenato da Pisone, il governatore della Siria, per ordine di Tiberio, l’imperatore e suo zio e padre adottivo. Le ragioni di questo presunto complotto sarebbero state la gelosia e il timore di Tiberio nei confronti della popolarità e del potere di Germanico, che lo vedeva come un rivale e una minaccia alla sua autorità. Pisone, invece, sarebbe stato il suo esecutore, mosso da ambizione e da odio personale verso Germanico, con il quale aveva avuto diversi contrasti. Le fonti raccontano che Pisone avrebbe usato vari mezzi per avvelenare Germanico, tra cui erbe, pozioni, incantesimi e perfino una statua maledetta di Germanico che avrebbe fatto sanguinare il naso e la gola del generale.

Tuttavia, queste accuse non sono mai state provate con certezza, e ci sono anche altre possibili spiegazioni per la morte di Germanico. Alcuni studiosi moderni hanno ipotizzato che Germanico potesse essere morto per cause naturali, come una febbre, una malaria, una tubercolosi o un cancro. Altri hanno suggerito che Germanico potesse essere stato avvelenato da qualcun altro, come sua moglie Agrippina, che voleva farlo passare per un martire e aumentare il prestigio della sua famiglia, o da Seiano, il prefetto del pretorio e il braccio destro di Tiberio, che aspirava a diventare imperatore. Altri ancora hanno messo in dubbio la veridicità e l’obiettività delle fonti antiche, che potrebbero essere state influenzate da pregiudizi e propaganda politica, e che potrebbero aver esagerato o inventato alcuni dettagli per rendere più drammatica e scandalosa la storia.

In conclusione, il giallo della morte di Germanico rimane irrisolto, e probabilmente non si saprà mai con certezza cosa sia realmente accaduto. Ciò che è certo, però, è che la morte di Germanico ebbe un forte impatto sulla situazione politica dell’impero, e fu il preludio di una serie di eventi tragici e sanguinosi che segnarono il regno di Tiberio.

La morte di Germanico scatenò una grande commozione e una profonda indignazione tra il popolo romano, che lo considerava il suo eroe e il suo salvatore. Il suo corpo fu trasportato da Antiochia a Roma con una solenne processione funebre, e fu sepolto nel mausoleo di Augusto con tutti gli onori. Il senato dichiarò Germanico “divus”, ossia divinizzato, e gli dedicò molti templi, statue e monumenti. Il popolo, invece, chiese giustizia e vendetta per il suo assassino, e accusò apertamente Tiberio di aver ordinato il crimine.

Pisone, il presunto colpevole, fu richiamato a Roma per essere processato per alto tradimento, ma si suicidò prima di affrontare il giudizio. Tuttavia, il suo suicidio non placò la rabbia del popolo, che lo interpretò come una prova della sua colpevolezza e della sua codardia. Il senato condannò Pisone alla damnatio memoriae, ossia alla cancellazione della sua memoria, e distrusse le sue immagini e i suoi documenti. Tiberio, invece, cercò di difendere Pisone e di sminuire il suo ruolo nella morte di Germanico, ma non riuscì a convincere il popolo della sua innocenza e della sua sincerità. Al contrario, la sua posizione si indebolì sempre più, e la sua reputazione si macchiò di infamia e di sospetto.

La morte di Germanico fu anche un duro colpo per la sua famiglia, che subì una serie di persecuzioni e di tragedie. Agrippina, la sua moglie, fu accusata di tradimento e di adulterio da Tiberio, e fu esiliata e uccisa. I suoi figli furono anch’essi vittime di accuse infondate e di violenze. Due di loro, Nerone e Druso, furono imprigionati e fatti morire di fame. Un altro, Gaio, meglio conosciuto come Caligola, riuscì a sopravvivere e a diventare imperatore, ma si dimostrò un tiranno crudele e folle, che fu infine assassinato da una congiura. L’unico che ebbe una sorte migliore fu Claudio, che divenne anch’egli imperatore, e che si distinse per la sua saggezza e la sua cultura, ma che fu avvelenato dalla sua quarta moglie, Agrippina la Giovane, la figlia di Germanico e di Agrippina la Maggiore.

A proposito di Nerone in particolare, è importante non confondere i due personaggi diversi che si chiamavano entrambi Nerone. Il Nerone che divenne imperatore era il figlio di Agrippina la Giovane e di Gneo Domizio Enobarbo, che fu adottato da Claudio come suo erede. Questo Nerone regnò dal 54 al 68 d.C., e si suicidò dopo essere stato dichiarato nemico pubblico dal senato. Il Nerone che morì sotto Tiberio era il figlio di Agrippina la Maggiore e di Germanico, che fu adottato da Tiberio come suo erede. Questo Nerone fu accusato di tradimento da Tiberio e fu costretto a suicidarsi nel 31 d.C. I due Nerone erano cugini di primo grado, e condividevano lo stesso nome completo: Nerone Claudio Cesare Augusto Germanico.

In conclusione, la morte di Germanico fu un evento drammatico e decisivo per la storia dell’impero romano, che segnò l’inizio di una crisi politica e dinastica, e che ebbe ripercussioni tragiche per la sua famiglia e per il popolo. Germanico rimase nella memoria collettiva come un esempio di virtù e di gloria, e come una vittima innocente della malvagità e dell’ingiustizia.

Nondimeno, la storia di Germanico Giulio Cesare è molto utile per comprendere anche concetti attuali come la separazione dei poteri, un principio fondamentale della politica e del diritto, che consiste nel dividere il potere politico di uno Stato in diverse funzioni, come quella legislativa, quella esecutiva e quella giudiziaria, che devono essere esercitate da organi distinti e indipendenti, al fine di garantire l’equilibrio e il controllo reciproco tra le varie istituzioni. Questo principio ha lo scopo di prevenire il rischio di abusi e di tirannia da parte di chi detiene il potere, e di tutelare i diritti e le libertà dei cittadini. La separazione dei poteri è considerata una delle basi della democrazia e dello Stato di diritto, e si riflette in molte costituzioni e ordinamenti giuridici moderni.

La separazione dei poteri ha avuto origine nell’antichità, ma ha conosciuto una grande diffusione e una forte elaborazione teorica nel XVIII secolo, grazie al contributo di filosofi e pensatori come John Locke, Montesquieu e Jean-Jacques Rousseau, che influenzarono le rivoluzioni americana e francese. Alcuni esempi storici di questo principio sono la Costituzione degli Stati Uniti d’America, promulgata nel 1787 e entrata in vigore nel 1789, che stabilisce che il Congresso ha il potere legislativo, il Presidente ha il potere esecutivo e la Corte Suprema ha il potere giudiziario, e la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, adottata nel 1789 dalla Rivoluzione francese, che afferma che “ogni società in cui non è assicurata la garanzia dei diritti, né stabilita la separazione dei poteri, non ha costituzione”.

La storia di Germanico può essere vista come un esempio di separazione dei poteri nell’antica Roma, in contrasto con il modello di potere assoluto e centralizzato che fu inaugurato da Giulio Cesare, il celebre dittatore e conquistatore, e che fu seguito da molti dei suoi successori.

Germanico, pur essendo il nipote e il figlio adottivo di Augusto, il primo imperatore romano, e il padre di Caligola e il nonno di Nerone, due dei più famosi e controversi imperatori della storia, non aspirò mai a diventare imperatore egli stesso, ma preferì dedicarsi alla carriera militare e alle campagne in Germania e in Oriente, dove ottenne grandi successi e la stima del popolo romano.

Germanico era considerato il degno successore di Augusto e il legittimo erede di Gaio Giulio Cesare, ma non volle imitare il loro stile di governo, basato sulla concentrazione del potere politico, militare e religioso nelle loro mani, in qualità di dittatori.

Germanico, invece, scelse di rispettare il principio della separazione dei poteri, lasciando a Tiberio il potere politico e limitandosi a quello militare, e di opporsi al matrimonio imposto da Augusto tra Tiberio e Giulia la Minore o Agrippina, la figliastra di Augusto e la moglie di Agrippa, che si oppose alla volontà di Augusto e che cercò di rovesciare Tiberio con una congiura.

Germanico, invece, scelse di rispettare il principio della separazione dei poteri, lasciando a Tiberio il potere politico e limitandosi a quello militare, e di opporsi al matrimonio imposto da Augusto tra Tiberio e Giulia la Minore, figliastra di Augusto, che si oppose alla volontà di Augusto e che cercò di rovesciare Tiberio con una congiura.

Germanico, con le sue scelte, dimostrò di avere una visione diversa del ruolo dell’imperatore, più vicina a quella della Repubblica romana, che prevedeva una divisione del potere tra i vari magistrati eletti dal popolo, come i consoli, i pretori, i censori e i tribuni. Germanico, quindi, può essere considerato un esempio di virtù e di moderazione, e una vittima innocente della malvagità e dell’ingiustizia di Tiberio, che lo fece avvelenare per gelosia e per timore della sua popolarità e del suo potere.

La separazione dei poteri nell’antica Roma e nella moderna Italia presenta delle somiglianze e delle differenze, che riflettono i cambiamenti storici e culturali che hanno caratterizzato i due periodi. La Costituzione della Repubblica Italiana, promulgata nel 1947 e entrata in vigore nel 1948, si ispira al principio della separazione dei poteri, stabilendo che il Parlamento esercita il potere legislativo, il Governo ha il potere esecutivo e la Magistratura ha il potere giudiziario. La Costituzione prevede anche il ruolo del Presidente della Repubblica, che rappresenta l’unità nazionale e garantisce il rispetto della Costituzione, e del Presidente del Consiglio dei Ministri, che dirige la politica interna e estera del Paese. La Repubblica Italiana, quindi, riflette, almeno in parte, la divisione dei poteri che fu praticata da Germanico, che lasciò a Tiberio il potere politico e si limitò a quello militare, e che si oppose al potere assoluto e centralizzato di Giulio Cesare e dei suoi successori.

Tuttavia, la separazione dei poteri nella Repubblica Italiana non è identica a quella dell’antica Roma, e presenta anche delle sfide e dei problemi. Innanzitutto, la Repubblica Italiana è una democrazia parlamentare, mentre l’antica Roma finì come monarchia imperiale, che si basava sulla figura dell’imperatore, che aveva il potere supremo e il culto della personalità. Inoltre, la Repubblica Italiana ha dovuto affrontare diverse crisi politiche e istituzionali, che hanno messo in discussione l’efficacia e la legittimità della separazione dei poteri, come il terrorismo, la corruzione, la mafia, il populismo, il regionalismo e il sovranismo. Infine, la Repubblica Italiana ha dovuto confrontarsi con il processo di integrazione europea, che ha comportato la cessione di parte della sovranità nazionale a organi sovranazionali, come il Parlamento Europeo, la Commissione Europea e la Corte di Giustizia Europea, che hanno il potere di influenzare le decisioni e le leggi degli Stati membri.

In conclusione, la separazione dei poteri è un principio fondamentale per la politica e il diritto, che ha avuto origine nell’antichità, ma che ha conosciuto una grande evoluzione e una forte attualità nel mondo moderno. La storia di Germanico può essere considerata come un esempio di separazione dei poteri nell’antica Roma, e come un modello di virtù e di moderazione per la moderna Italia, che ha cercato di applicare questo principio nella sua Costituzione e nel suo ordinamento giuridico, ma che ha dovuto anche affrontare le sfide e i problemi del suo tempo.

Autore

Rinaldo Pilla è un traduttore e libero professionista nato a Torino, ma originario del Sannio e attualmente risiede a Fermo, nelle Marche. Ha frequentato la Scuola Militare Nunziatella di Napoli per poi conseguire una laurea presso la Nottingham Trent University e successivamente un master in sviluppo e apprendimento umano dopo il suo rimpatrio dagli Stati Uniti. È un autore molto prolifico, che vanta una vasta e approfondita produzione letteraria sul tema dell’antichità, con particolare attenzione al periodo del I secolo d.C. e alla storia e alla cultura dei Sanniti, un popolo italico che si oppose e si alleò con Roma. Tra le sue opere, si possono citare romanzi storici, saggi, racconti e poesie, che mostrano una grande passione e una grande competenza per il mondo antico, e che offrono al lettore una visione originale e coinvolgente di quei tempi e di quei personaggi. Questo autore è considerato uno dei maggiori esperti e divulgatori dell’antichità, e in particolare del Sannio, una regione storica che ha conservato molte testimonianze e tradizioni della sua antica civiltà.